CHI È L'UOMO DELL'ILLEGALITÀ: Fuggite...! - Evitate di subire la condanna di DIO che incombe su questa casta

Modificatore prezzo variante:
Prezzo di vendita15,00 €
Descrizione
Autore: PIERANGELO CALVIRANI
Formato:  17 X 24
Pagine: 430
Anno: 2013
Editore: AZZURRA7 EDITRICE

foto non disponibile


L'Autore Pierangelo Calvirani, studioso, ricercatore, scrittore e autore di vari saggi di natura politica, filosofica, scientifica e sociologica si è specializzato nell'aprire al grande pubblico temi e argomenti di difficile accesso, poco conosciuti ma di grande attualità e rilevanza storica.

CHI È L'UOMO DELL'ILLEGALITÀ - Fuggite...! Evitate di subire la condanna di DIO che incombe su questa casta - Primi 17 cap.


QUALE ISTITUZIONE rappresentata oggi

"L'UOMO DELL'ILLEGALITÀ, IL FIGLIO DELLA DISTRUZIONE" di 2 Tess. 2:3
?
Finalmente tutti possono conoscere
questa casta
ed evitarla!



"Stà per finire la lunga lotta bimillenaria di Satana
per ilcontrollo della mente di miliardi di esseri umani!"

uomo illegalita-500

Ma perchè è importante la lettura di quest'opera?
Perchè Paolo dice che questo uomo dell'illegalità,
dopo la morte dell'ultimo apostolo Giovanni (100 e.v.)...

"verrà con la potenza di Satana con tutta la forza di falsi miracoli e di falsi prodigi. Userà ogni genere di inganno maligno per fare del male a quelli che andranno in rovina...", " ma il Signore Gesù, come dice la Bibbia, lo ucciderà con il soffio della sua bocca, lo distruggerà durante la sua presenza " [2 Tess. 2:8-10 TILC]

Quindi Gesù Cristo, sarà il giustiziere nominato da YeHoWaH per eliminare questa istituzione illegale, operante da più di 17 sec.!



Ma è un impero politico ?
Un impero commerciale?
O un impero religioso ?

Un indizio lo troviamo in 2 Tess. 2:4:
"Egli si pone in opposizione e s’innalza al di sopra di chiunque è chiamato “dio
o oggetto di riverenza, così che si mette a sedere nel tempio del Dio, mostrando pubblicamente di essere un dio"

U.Illegalita-alone-350

"Un'opera di rilevanza storica di grande attualità perché fa capire quale sarà, alla luce della profezia neotestamentaria, la visione escatologica (o delle cose ultime) che riguardano:

- il destino futuro del clero

- della religione nel mondo
- dei suoi
fedeli

Formato 17x24 - pag. 430

RETROCOPERTINA

L'AZZURRA7 EDITRICE, alla fine del 2012, ha l'onore di presentare al pubblico un'importante nuova opera dal titolo Alla scoperta del grande mistero - L'anticristico uomo dell'illegalità. Si tratta di un saggio-romanzo di Pierangelo Calvirani, un libro che rappresenta una vera novità in campo editoriale. Per comprenderlo possiamo rifarci alla presentazione di quella che fu allora una nuova iniziativa editoriale del Corriere della Sera, la pubblicazione di una nuova edizione della Bibbia. In un video datato 26 settembre 2006, il noto giornalista e saggista italiano Paolo Mieli, allora direttore del Corriere della Sera, ne fece questa significativa presentazione: “È il libro più venduto al mondo, o tra i più venduti al mondo. Io non so, mi domando se sia il libro più letto. Quello che è il nostro sforzo, quella che è la nostra ambizione, è di fare sì che il maggior numero di italiani possibile leggano la Bibbia. Noi la pubblichiamo non già allo scopo di venderla, ma per farla leggere. Ci interessa che il nostro pubblico, nell'affrontare i dibattiti su temi etici, religiosi, ma anche della storia del presente, conosca bene quali sono le basi della nostra civiltà, le conosca da vicino. È una lettura piacevole e speriamo che sia la più vasta possibile”. (Http://video.corriere.it/presentazione-iniziativa-direttore-paolo-mieli/0b38439a4a4e-11db-9546-0003ba99c667)

L'AZZURRA7 EDITRICE crede che il nuovo saggio-romanzo di Calvirani rappresenti uno strumento in più per conoscere gli aspetti più inquietanti della nostra civiltà, la lunga lotta, specialmente nel vecchio mondo europeo, per il controllo della mente di miliardi di esseri umani da almeno duemila anni fino al nostro giorno. In questa lotta per il potere religioso e politico, è stata implicata ed è tutt'ora implicata una delle più potenti lobbies della storia, il clero della cristianità. La Bibbia rappresenta lo strumento ideale per capire il ruolo quasi bimillenario del clero nel corso del tempo. Ecco che nel libro Alla scoperta del grande mistero - L'anticristico uomo dell'illegalità, le pagine della Bibbia e della storia si schiudono e si intrecciano armoniosamente in questa affascinante ricerca dell'anticristo, che potrà anche essere per il lettore una grande e vitale scoperta. In particolare, le rivelazioni o apocalissi di Gesù Cristo, di Paolo di Tarso, di Pietro e di Giovanni contenute in quello che è conosciuto come il Nuovo Testamento, ma più propriamente definito come Scritture Greche Cristiane, assumono una rilevanza storica di grande attualità perché fanno capire quale sarà, alla luce della profezia neotestamentaria, la visione escatologica (o delle cose ultime) che riguardano il destino futuro del clero, della religione nel mondo e dei suoi fedeli.

Nel suo noto libro La fine della fede (The end of faith), un'opera del 2004 dello scrittore Sam Harris, pubblicata in Italia dalla casa editrice Nuovi Mondi Media, parlando di chiesa e di religione, l'autore ha voluto descrivere l'abisso tra la fede religiosa ed il pensiero razionale. Calvirani invece presenta in questa sua nuova opera, il ponte tra vero cristianesimo e pensiero razionale. Con centinaia di particolari storici, alcuni nascosti o volutamente manipolati, ci guida alla comprensione di una straordinaria profezia neotestamentaria, 2 Tessalonicesi 2:1÷12, praticamente sconosciuta al grande pubblico, che apre alla visione degli uomini del XXI secolo, un sorprendente adempimento storico dell'anticristicouomo dell'illegalità”. Nel dare alla stampa questa opera, facciamo nostre le parole di Paolo Mieli “Noi la pubblichiamo non già allo scopo di venderla, ma per farla leggere” perché crediamo che la conoscenza, quasi sempre, può liberare e salvare la vita del lettore.

(Ingrandisci immagine)
duomo-orvieto-300 In copertina: una delle scene pittoriche più famose, la Predica e fatti dell'Anticristo di Luca Signorelli (di cui si vede un particolare, nella cappella di San Brizio, Duomo di Orvieto), l'artista ha mostrato il falso Cristo o Anticristo che, seppure rassomigliante ed in grado di fare miracoli, parla alla folla e al suo fianco Satana gli suggerisce all'orecchio le parole da dire, muovendo le sue braccia come un fantoccio.

Attorno a lui l'umanità depravata si abbandona ad ogni sorta di misfatti: furti, assassini, esecuzioni sommarie, depravazione sessuale e simili. La scena è raccapricciante. Uno sconcertante specchio del nostro tempo.


Svelato il grande mistero
dell'"l'uomo dell'illegalità"

(di 2 Tess. 2:3)

"Questo romanzo-saggio è uno strumento in più, per conoscere gli aspetti più inquietanti della nostra civiltà e la lunga lotta religiosa e politica per il controllo della mente da parte di Satana, il creatore dell'Uomo dell'illegalità, di miliardi di esseri umani nei passati 17 secoli e fino ai nostri giorni. Cercate invece di diventare "uomini che vivranno liberi", che vogliono servire e adorare per l'eternità, l'Iddio Onnipotente YeHoWaH e non "Satana" e il suo 'dio umano', "l'uomo dell'illegalità"


Alla scoperta del grande mistero - L’anticristico uomo dell’illegalità, questo nuovo saggio-romanzo di Pierangelo Calvirani, ha come sfondo l’appassionante ricerca di un mistero religioso, mysterium iniquitatis, scoperto per caso dal protagonista della storia, quand’era ragazzo, sulle pagine di un’antica Bibbia in latino. Qualcuno, molto tempo prima, aveva indicato al futuro scopritore, proprio in un controverso passo neotestamentario, gli elementi chiave per giungere alla sua identificazione. Associato al mistero dell’iniquità c’è un'altra figura ancora più misteriosa, “l’uomo del peccato, il figlio della perdizione” o “l’uomo dell’illegalità, il figlio della distruzione”. Che questa descrizione potesse riferirsi all’Anticristo? U.IllegalitaQuale emozione poteva causare in un ragazzo di 13 anni la scoperta casuale di questo avvincente mistero?

Ma le circostante e le vicende della vita spesso non consentono di realizzare i nostri obiettivi quando noi lo vorremmo. Così, sarebbero passati molti anni, decenni, prima che il nostro protagonista potesse riprendere quell’affascinante ricerca che aveva iniziato e poi interrotto in età adolescenziale. Quando particolari circostanze della vita lo hanno indotto a mettere da parte il suo disinteresse verso il senso dell’esistenza, il nostro protagonista ha sentito nascere in sé il desiderio di quell’appassionante ricerca che aveva interrotto da ragazzo. Proprio perché questa potrebbe essere la storia di chiunque di noi, Calvirani non ha indicato il nome del protagonista del romanzo, ma il suo anonimato conferisce al racconto l’avvincente capacità di trasportare il lettore in un campo pieno di mistero e di scoperte sbalorditive, con conclusioni inaspettate.

Non c’è dubbio che la misteriosa figura dell’Anticristo ha da sempre eccitato la fantasia e perfino la paura di milioni di persone in tutto il mondo, suscitando in loro la sensazione di un’imminente catastrofe. Infatti oscure profezie provenienti da fonti esoteriche preconizzano da tempo la futura distruzione della Chiesa di Roma. A prescindere da queste fonti inattendibili e problematiche, l’identificazione dell’Anticristo merita attenzione perché si tratta di un personaggio in opposizione a Cristo e quest’ultimo è una figura storica indiscutibile oltre che, soprattutto, la figura centrale del Nuovo Testamento. In una delle scene pittoriche più famose, la Predica e fatti dell'Anticristo di Luca Signorelli (di cui in copertina si vede un particolare, nella cappella di San Brizio, Duomo di Orvieto), l’artista ha mostrato il falso Cristo o Anticristo che, seppure rassomigliante ed in grado di fare miracoli, parla alla folla e al suo fianco Satana gli suggerisce all’orecchio le parole da dire, muovendo le sue braccia come un fantoccio. Attorno a lui l'umanità depravata si abbandona ad ogni sorta di misfatti: furti, assassini, esecuzioni sommarie, immoralità sessuale e simili. La scena è raccapricciante

Ma Alla scoperta del grande mistero - L’anticristico uomo dell’illegalità potrà sorprendere il lettore, perché, anziché indulgere nei facili effetti a sorpresa, tipici di certa letteratura sensazionalistica, si concentra sull’identificazione di una figura storica, anticipata nel passo neotestamentario di 2 Tessalonicesi 2:1-12, che ha lasciato un segno incancellabile nel corso dei secoli fino ad oggi. Benché il saggio-romanzo di Calvirani esponga con dovizia di particolari gli aspetti più inquietanti del clero della cristianità, non si può definirlo un libro anticlericale, perché l’anticlericalismo offre una visione molto riduttiva dei crimini di cui si è macchiata la Chiesa in quasi duemila anni di storia. È invece l’analisi dell’apostasia, fenomeno religioso praticamente sconosciuto alla maggioranza, che rappresenterà per il lettore un’autentica novità. Che cosa sa la gente in genere dell’apostasia? Bisogna ammettere che pochi ne conoscono il significato. Il termine apostasia è di indiscussa derivazione greca, e l’autorevole dizionario greco-italiano di Lorenzo Rocci alla voce "apostasia" dà la definizione di “defezione; ribellione; rivolta; apostasia”. Ma ribellione o apostasia contro chi o contro che cosa e a favore di chi o a favore di che cosa? In questa duplice domanda è contenuta la scoperta del saggio-romanzo di Calvirani.

Anche in quest’opera l’autore ha impresso il suo inconfondibile stile, cioè un linguaggio semplice, alla portata di tutti, seppure gli argomenti esaminati, di natura storica, religiosa e biblica, possano a prima vista apparire difficili, e l’uso, come nel primo suo saggio romanzo Liberazione della casa di lunga durata? La fine della morte, di efficaci illustrazioni anche a colori poste soprattutto all’inizio di ogni capitolo, per aiutare il lettore a ravvivare di volta in volta il suo interesse verso la storia del protagonista. Non mancano, anche in questo caso, le citazioni storiche, scientifiche, filosofiche, etc., che contribuiscono ad arricchire il delicato materiale trattato e a stabilire il livello di autorità con cui vengono espressi i vari concetti ed affermazioni. Ma quest’opera si limita forse ad un esame storico della storia della Chiesa nell’arco di circa duemila anni? Niente affatto, perché, come ha osservato nel corso di un’intervista il celebre drammaturgo rumeno Eugene Ionesco, “la storia sarebbe incomprensibile se escludessimo l’elemento demonico”. (Welt am Sonntag, 2settembre 1979) Certo è che può apparire anacronistico considerare la figura del Diavolo nel XXI secolo. Dovremmo pensare che “il diavolo sia in realtà un’invenzione dell’uomo per giustificare la propria peccaminosità”? Questa affermazione compare in un’enciclopedia biblica e molti credenti la pensano così. - The Zondervan Pictorial Encyclopedia of the Bible. - Citazione dal sito web http://multiplayer.it/forum/open-space/155976-esiste-davvero-diavolo-3.html.

Nel suo libro Il Diavolo nel Mondo Antico lo storico Jeffrey Burton Russell ha scritto che in genere i teologi della cristianità “hanno abbandonato Diavolo e demoni come cimeli di poca importanza”.(Op. cit., trad. di F.Cezzi, Editori Laterza, Roma-Bari, 1989, p.137) Hanno ragione loro? Nel suo libro Satana – Il Diavolo e l’inferno tra il primo e il quinto secolo sempre lo storico Jeffrey Burton Russell ha fatto questa significativa riflessione: “Negare l’esistenza e la centralità del Diavolo nel Cristianesimo significa contraddire l’insegnamento apostolico e lo sviluppo storico della dottrina cristiana. Se definire il Cristianesimo in termini diversi da questi è letteralmente senza senso, è intellettualmente incongruo sostenere un Cristianesimo che escluda il Diavolo. Se il Diavolo non esiste, vuol dire che il Cristianesimo è stato in errore su un punto centrale fin dall’inizio”. (Op. cit., trad. di M. Parizzi, A. Mondadori, Milano, 1986, p. 19) In altre parole, il cristianesimo biblico è un affare in blocco: o è tutto vero, oppure è tutto falso. Un appassionante viaggio nel libro più diffuso del mondo, ma meno conosciuto, permetterà anche al lettore di giungere alla scoperta del grande mistero.

INDICE

Capitolo 1 L’incredibile scoperta
Capitolo 2 La vera libertà
Capitolo 3 Il male personificato
Capitolo 4 L’azione di Satana nel mondo
Capitolo 5 L’operazione di Satana
Capitolo 6 Lo scenario di 2 Tessalonicesi 2

Capitolo 7 Un campo che produce zizzanie
Capitolo 8 L’analisi di 2 Tessalonicesi 2:1-12
Capitolo 9 L’“uomo dell’illegalità” rivelato
Capitolo 10 L’“uomo dell’illegalità” all’opera
Capitolo 11 Uno sguardo dentro la Chiesa
Capitolo 12 Gesù entra in azione – 2 Tessalonicesi 2:8
Capitolo 13 È possibile il pentimento dell’ “uomo dell’illegalità?”
Capitolo 14 La Chiesa che si pente?
Capitolo 15 Francesco d’Assisi: il Cristo del medioevo?
Capitolo 16 Il problema della ierofania
Capitolo 17 Alla scoperta di un altro mistero
Capitolo 18 Uscire da Babilonia

Capitolo 19 Alla ricerca del Creatore
Capitolo 20 Dio rivela i misteri?
Capitolo 21 La morte ci insegue
Capitolo 22 Vivere nella confusione
Capitolo 23 L’uomo di fronte al mistero
Capitolo 24 La volontà di non credere
Capitolo 25 La volontà di credere
Capitolo 26 Il fatalismo della morte
Capitolo 27 Il ritorno al passato
Capitolo 28 La fine del mondo è possibile?
Capitolo 29 Un nuovo mondo
Capitolo 30 Una direzione sbagliata

Capitolo 31 Cecità e sordità spirituale
Capitolo 32 Storia dell’errore umano
Capitolo 33 L’amore della verità
Capitolo 34 Una concusione inaspettata

Illustrazioni Indice delle illustrazioni e loro fonti
Versioni varie Indice delle varie versioni bibliche

Vista l'IMPORTANZA e l'URGENZA che l'OPERA riveste,
abbiamo deciso di farvi conoscere
i titoli dei 34 capitoli.

"Scappa! Ne và della tua vita!" [Gen. 19:17]
{gallery}stories/1librispeciali/slide{/gallery}

MOLTI, se avessero fatto tesoro degli AVVERTIMENTI RICEVUTI,
avrebbero evitato le tragiche conseguenze che hanno portato molti alla MORTE.

Con questa opera, facciamo nostro l'avvertimento che Dio stesso fa a tutti:


"Uscite da essa, o popolo mio, se non volete partecipare con lei ai suoi peccati, e se non volete ricevere parte delle sue piaghe" [Apoc.18:4]

Durante la "grande tribolazione", YeHoWaH "libererà l'anima dalla morte"
di tutti coloro che sono "usciti" da questa istituzione!